Login
Login
Registrazione
 
  • Facebook
  • Twitter
  • Youtube
  • Linkedin
  • pinterest
  • rss
  • 43 musei,
    43 musei,  un unico sistema museale
Musei delle Terre di Siena
 
Progetti

ECOMUSEI

Ecomusei digitali delle Terre di Siena

Il progetto Ecomusei digitali delle Terre di Siena, avviato dalla Fondazione Musei Senesi nell’ambito del piano di rilancio dei servizi museali provinciali, è finalizzato alla de-materializzazione dei risultati di una ricerca interdisciplinare di medio e lungo periodo sul territorio e sulle sue trasformazioni. Sviluppa la nozione di museo diffuso, già alla base del modello gestionale della Fondazione Musei Senesi, per promuovere un percorso di riflessione sul valore e il senso del paesaggio inteso come contesto di vita, luogo di presenza e di appaesamento. Alle comunità di riferimento, in particolare, il progetto riserva un ruolo centrale, in una prospettiva di patrimonializzazione che comprende sia gli aspetti ecologici e di salvaguardia, sia i significati sociali, abitativi, emotivi e produttivi degli abitanti.

Il percorso ecomuseale ha preso avvio con la realizzazione di sei piattaforme web, da oggi tutte online, navigabili a partire da mappe digitali, una per ciascuna area geografica di riferimento: Chianti, Crete-Valdarbia, Valdelsa, Valdichiana, Valdimerse, Valdorcia. Le mappe permettono l’accesso alla consultazione di schede testuali georeferenziate sui beni patrimoniali materiali e immateriali individuati in fase di ricerca partecipata, corredate da contenuti di approfondimento, materiali d’archivio, fotografie, documenti audiovisivi, videointerviste e risorse bibliografiche. I contenuti sono fruibili attraverso una formula collaborativa in logica wiki e social, che offre agli utenti la possibilità non solo di commentare e discutere ciò che è presentato, ma anche di proporre nuovi contributi e integrazioni, condividere documenti audiovisivi e aprire spazi di riflessione imprevisti.

Il progetto, avviato grazie al contributo della Regione Toscana e in collaborazione con i rispettivi Comuni di pertinenza, prevede anche la realizzazione di una serie di applicazioni per tecnologia mobile, di prossima pubblicazione, che permetteranno di conoscere il territorio attraverso itinerari personalizzati, navigazione GPS, informazioni utili, news ed eventi sempre aggiornati.

Le sei piattaforme sono consultabili ai seguenti indirizzi:

Ecomuseo del Chianti

www.ecomuseochianti.org

Ecomuseo delle Crete e della Valdarbia

www.ecomuseocrete.org

Ecomuseo della Valdelsa

www.ecomuseovaldelsa.org

Ecomuseo della Valdichiana

www.ecomuseovaldichiana.org

Ecomuseo della Valdimerse

www.ecomuseovaldimerse.org

Ecomuseo della Valdorcia

www.ecomuseovaldorcia.org

Ogni piattaforma ospita al momento solo una piccola parte delle schede multimediali previste dal progetto. I contenuti verranno incrementati progressivamente con il procedere della ricerca.

Il format multimediale dei diversi siti ecomuseali è stato inoltre promosso dalla Prefettura di Siena e dalla Fondazione Musei Senesi per la realizzazione della piattaforma “Ecomuseo Siena”, consultabile all’indirizzo www.ecomuseosiena.org, i cui contenuti sono interamente gestiti dalle Contrade di Siena con la supervisione del Magistrato delle Contrade e del Consorzio per la Tutela del Palio di Siena.

_

EBOOKS

Fondazione Musei Senesi, da sempre impegnata nella valorizzazione dei beni culturali attraverso l'ICT, ha realizzato alcuni ebook gratuiti.

Edificio museo: energia, impianti, sicurezza.

Il volume, realizzato dalla Regione Toscana e da Fondazione Musei Senesi grazie al Politecnico di Torino e all'ing. Fabio Marulli d'Ascoli, compie un'analisi strutturale dell'edificio-museo per suggerire, anche sulla base del case history applicato ai musei delle Terre di Siena, un sistema di "buone pratiche" per ridurre l'impatto ambientale dei musei nei termini del risparmio energetico e di un approccio ecosostenibile.

Scarica il pdf interattivo | Scarica il file iBooks

Ritorno alla luce

Il volume, curato da Valentino Anselmi, è dedicato al dipinto di Girolamo di Benvenuto, la Natività di Gesù con San Giovannino, recentemente restaurato, appartenente alla collezione della Banca Monte dei Paschi di Siena.

Scarica il pdf | Scarica l'ebook dall'Apple Store

Bilancio di missione

Al fine di rendere ancora più trasparente e misurabile la gestione della Fondazione Musei Senesi, è stato realizzato il primo “Bilancio di Missione e Rapporto delle Attività 2009-2011”: uno strumento dinamico, completamente autoprodotto, che rende navigabili contenuti video, immagini di corredo, grafici, indicatori quantitativi, utili a comprendere le attività svolte nel triennio.

Scarica il pdf | Scarica il file iBooks

_

PROGETTI MULTIMEDIALI

Fondazione Musei Senesi, in collaborazione con Microsoft Italia, Homegate e Nemes srl, ha realizzato alcuni sistemi interattivi navigabili su schermi touch posizionati nelle sedi museali o espositive del territorio.

Asciano, Palazzo Corboli. Museo Civico, Archeologico e d'Arte Sacra

Il Museo Corboli, allestito in un affascinante palazzo trecentesco, ospita una ricca collezione di arte senese dal XIV al XVII secolo, e in particolare, nella Sala di Aristotele, un ciclo di affreschi allegorici con un'iconografia rarissima sul tema del bene pubblico e della caducità terrena realizzati da Meo di Pero e Cristoforo di Bindoccio.

Vai al multimediale


San Gimignano, Musei Civici. Torre Grossa: la Camera del Podestà

All'interno della suggestiva Torre Grossa, è possibile ammirare lo straordinario ciclo ad affresco, trecentesco, dedicato ai temi dell'amore sacro e dell'amore profano realizzato da Memmo di Filippuccio e recentemente tornato alla luce grazie a un complesso intervento di restauro.

Vai al multimediale


Insieme sotto al tricolore. Professori e studenti in battaglia (Siena, Santa Maria della Scala, aprile-ottobre 2011)

In occasione delle celebrazioni per i 150 anni dell'Unità d'Italia, una mostra ripercorre le vicende legate agli studenti senesi che combatterono a Curtatone e Montanara attraverso i documenti conservati nell'Archivio Storico di Ateneo.

Vai al multimediale


In occasione della mostra dedicata agli studenti senesi e al ruolo che l'Università ebbe nell'Ottocento per il progresso tecnologico e culturale, un libro interattivo tutto da sfogliare alla scoperta della microstoria che da Siena si intreccia con la Grande Storia fino all'Unità Nazionale.

Vai al multimediale


La Chiana dal mare alle bonifiche (Montepulciano, Museo Civico Pinacoteca Crociani e Fortezza Medicea, luglio-settembre 2011)

In occasione di Archeofest 2011, una mostra che attraverso volumi e mappe antiche alla scoperta delle epoche remote in cui la Val di Chiana era ricoperta dal mare e delle vicende legate alla bonifica.

Vai al multimediale


Musei in Mostra. Da Jacopo della Quercia a Donatello. Il primo Rinascimento nelle Terre di Siena (Asciano, Buonconvento, Castiglione d'Orcia, Montalcino, Montepulciano, Pienza, 25 marzo-3 luglio 2010)

Un filo immaginario si dipana tra le colline di Siena e del suo territorio a collegare le testimonianze dell'arte del XV secolo alle meraviglie della natura e della tradizione enogastronomica. Un percorso attraverso sette Musei Senesi, le cui collezioni rappresentano una tappa imprescindibile alla scoperta del primo Rinascimento a Siena, consente di approfondire gli sviluppi artistici al centro della mostra Da Jacopo della Quercia a Donatello allestita tra il marzo e il luglio 2010 nei principali musei cittadini. 

Vai al multimediale


Caravaggio a Montepulciano (Montepulciano, Museo Civico Pinacoteca Crociani)

A seguito dei recenti restauri, lo straordinario ritratto di gentiluomo che già faceva parte della collezione ottocentesca di Francesco Crociani è stato attribuito al sapiente pennelllo di uno dei maestri della storia dell'arte italiana e internazionale: Michelangelo Merisi da Caravaggio. Un viaggio alla scoperta dell'artista, del personaggio raffigurato, delle tecniche pittoriche e di restauro.

Vai al multimediale




RICERCA

La Fondazione Musei Senesi promuove lo sviluppo dello studio e della ricerca scientifica e la conseguente conoscenza del patrimonio attraverso corsi di formazione e master professionalizzanti (come quelli recentemente istituiti per la tutela e la valorizzazione dei beni scientifici, per la tutela e la valorizzazione dei beni ecclesiastici, per la formazione di operatori di ecomuseo), ma anche grazie a convegni, conferenze, workshop, incontri, presentazioni di volumi e di restauri, in collaborazione con le istituzioni competenti locali, nazionali e internazionali. Grazie a una consistente attività editoriale, promuove inoltre la divulgazione scientifica grazie alle guide dei singoli musei, ai cataloghi di mostra, e a un’apposita collana Lab dedicata agli atti di convegno e a studi di ambito più specifico.