Login
Login
Registrazione
 
  • Facebook
  • Twitter
  • Youtube
  • Linkedin
  • pinterest
  • rss
  • Il territorio del Chianti
    Il territorio del Chianti 
Scopri il patrimonio delle Terre del
Chianti
 
Chianti

Castellina in Chianti

Castellina, che domina da un colle, le valli dei tre fiumi, l’Arbia, l’Elsa e il Pesa, che hanno scandito la storia di questo territorio, anticamente conteso tra Siena e Firenze, fu uno dei maggiori centri della Lega del Chianti. Sul borgo medievale, di impianto quadrilatero con due sole porte d’accesso alla città (“Porta a Siena” e “Porta a Firenze”), si erge l’antica e imponente fortezza merlata, progettata da Giuliano da Sangallo e oggi sede del municipio. Il tessuto urbanistico, nel quale sono state inglobati i tratti di mura turrite volute da Lorenzo il Magnifico, presenta importanti palazzi quattro-cinquecenteschi, come il Palazzo Ugolini, con prospetto in bugnato, oltre alla chiesa di San Salvatore in stile neoromanico, in cui si conserva un importante affresco di Lorenzo di Bicci (fine XIV secolo); da segnalare l’affascinante via delle Volte, un tunnel su cui si aprono particolari feritoie sull’esterno e gustose cantine. Anche le campagne circostanti sono state segnate dal periodo di dominio fiorentino, espresso dalle suggestive architetture rurali d’età granducale, con ville e castelli che da sempre costituiscono una meta privilegiata e di grande richiamo per il turismo straniero.

 

 

 

 

 

Castelnuovo Berardenga

Il nome del territorio o distretto della Berardenga, deriva dalla Contea dei Berardenghi e da quel Castelnuovo, fondato dalla Repubblica di Siena, dopo una delibera datata 26 luglio 1366, come punto di sorveglianza strategico del confine verso Firenze e Arezzo; la sua posizione ne faceva, inoltre un importante punto di appoggio politico, di controllo sulle forze signorili della zona, sempre al centro di rivendicazioni territoriali. In quest'epoca la parte superiore del colle venne circondata di mura, mai concluse, affidandone la direzione a Mino Dei di Siena (1373-1374). La vicinissima Montaperti fu il teatro della celeberrima vittoria dei Senesi su Firenze (4 settembre 1260), narrata anche da Dante.
Da non perdere, nel piccolo ma gradevole centro storico, una passeggiata nel giardino della Villa Chigi Saracini, progettato dal genio di Agostino Fantastici e poi, ai primi del Novecento, ammodernato su iniziativa del conte Guido, fondatore dell’Accademia Musicale Chigiana di Siena. Nella neoclassica prepositura, al centro del paese, da segnalare il dipinto con la Madonna col Bambino del pittore senese quattrocentesco Giovanni di Paolo.
La cittadina ha sempre avuto una forte vocazione agricola e artigianale, ed è circondata da numerose aziende vitivinicole che è sempre possibile visitare.